Filat. Spaz. – ARIANE

FILATELIA
SPAZIALE

Immagine 3.jpg

ARIANE

————————————————————


150px-Ariane_5.pngIl Programma Ariane si riferisce ad una serie di razzi vettori di uso civile costruiti e progettati dal consorzio Arianespace per conto dell’Agenzia Spaziale Europea. Ariane viene dal francese, e deriva dal nome mitologico di Arianna.

La prima proposta di un progetto Ariane europeo di razzi per uso spaziale venne avanzata dalla Francia negli anni settanta. Fu in assoluto il secondo programma di questo tipo; il primo, il Progetto Europa, fu un insuccesso. Il nome in codice del programma Ariane era L3S (l’acronimorazzi di terza generazione). L’ESA ha supervisionato tutto lo sviluppo dei razzi e ha fornito le infrastrutture di lancio per i test; mentre la Arianespace (una azienda privata), si è occupata della progettazione e della costruzione, oltre a operazioni varie, tra cui il marketing.

L’Arianespace lancia i razzi Ariane dal Centre Spatial Guyanais, a Kourou, nella Guyana Francese, dove la vicinanza dell’equatore dà un notevole vantaggio per il lancio di vettori.

Le versioni del razzo Ariane sono:

  • Ariane 1, il cui primo volo di successo è avvenuto il 24 dicembre 1979
  • Ariane 2, lanciato la prima volta con successo il 20 novembre 1987 (il primo volo in assoluto avvenne il 30 maggio 1986, ma fallì)
  • Ariane 3, lanciato per la prima volta il 4 agosto 1984
  • Ariane 4, lanciato la prima volta con successo il 15 giugno 1988
  • Ariane 5, lanciato per la prima volta con successo il 30 ottobre 1997 (il primo volo in assoluto avvenne il 4 giugno 1996, ma fallì). (nella foto a sinistra un modello)
220px-Ariane_5_launch_pad.jpg

Piattaforma di lancio degli Ariane 5
al Centre spatial guyanais

————————————————————

Immagine 1.jpg
Immagine 2.jpg
Immagine 4.jpg
Immagine 6.jpg
Immagine 3.jpg
Immagine 7.jpg
Immagine 8.jpg

Immagine 9.jpg
Immagine 10.jpg
Immagine 11.jpg
Immagine 12.jpg
Immagine 13.jpg
Immagine 14.jpg
Immagine 15.jpg

————————————————————
Filat. Spaz. – ARIANEultima modifica: 2009-04-30T18:45:00+00:00da incredinews
Reposta per primo quest’articolo